AmmazzateciTutti - Bannaggio di massa, perchè?

Scritto da Ufficio di Presidenza

NOTA STAMPA dell'Ufficio di Presidenza
BANNAGGIO DI MASSA, perchè? a chi giova dividere?

 Questo banner alla sinistra del documento è un simbolo, da qualche mese molto conosciuto.E' stata la risposta, ad un omicidio eccellente, dei ragazzi di Locri, chi teneva questo striscione ha poi messo in rete un forum dall'identica dicitura. Uno slogan, quello di "AmmazzateciTutti" che rappresentava e rappresenta, l'indignazione. E l'indignazione è, deve essere, di tutti, non può avere copyright,...è trasversale, coinvolge individui e movimenti diversi, ma con la stessa sete di giustizia e libertà. Come Casa della Legalità l'abbiamo accolto come uno strumento positivo, ci siamo iscritti ed abbiamo partecipato a qualche discussione. Abbiamo visto in questo forum un'occasione di incontro e confronto, uno strumento di partecipazione per quella "rivolta morale e civile" contro le mafie. L'abbiamo interpretato sempre come "forum di discussione" come dice anche l'intestazione dello stesso...

Abbiamo invitato i coordinatori a partecipare alla manifestazione del 22 marzo, il "cammino contro le mafie", ma qualcosa ha impedito questo incontro. Precedentemente a questo appuntamento, ci sono stati degli episodi poco chiari, alcune persone sono state "allontanate", come persone di Libera, altre sono state "invitate" a chiedere scusa. Con l'avvicinarsi delle elezioni chi gestiva il forum diveniva intollerante verso coloro che la pensavamo diversamente da lui, questo è parso palese con gli attacchi a Elio Veltri o chi come noi, con lui, avava una posizione semplice e chiara, ad esempio sull'omicidio Fortugno. Cosa abbiamo detto di tanto "grave"? Nessun movimento e nessun forum può sostitursi alla Magistratura e scrivere sentenze "a priori". Abbiamo piena fiducia nella Magistratura e nei reparti investigativi dello Stato (con i quali a Genova collaboriamo fattivamente), la vicenda dell'omicisio di Fortugno non può essere, per un movimento antimafia, diversa da quella dei tanti morti ammazzati dalle mafie lontani dai riflettori e della notorità. Su quell'omicio poi, non può non essere chiara la complessisità, che sole le carte ed il lavoro investigativo dello Stato possono chiarire. Le intercettazioni telefoniche, la gestione degli appalti sono questioni che impongono la massima attenzione e impediscono di trarre giudizi senza conoscere le carte (oggi solo in mano agli inquirenti). Qusta nostra posizione è stata "bloccata" nel forum di AmmazzateciTutti. Anche all'invito di aderire alla richiesta di sostegno alla Lettera aperta di Elio Veltri al Ministro Pisanu, perchè la Relazione sull'indagine amministrativa sulla ASL di Locri venisse resa pubblica, è caduta nel vuoto. Perchè non è possibile chiedere insieme di chiarire i fatti, di non accontentarsi degli arresti degli esecutori e chiedere con forza che vengano individuati e colpiti, con essi, i mandanti di quell'omidicio? Non lo comprendiamo. Quasi la lotta alle mafie, soprattutto in Calabria, potesse essere scissa dalla lotta alle collusioni pesanti e diffuse tra mafia e  politica.Ora siamo alla frutta!!!! Ieri sera abbiamo saputo di un e-mail, nostro parere, molto pesante, nei confronti di un giovanissimo utente del forum, da parte dell'amministratore, Aldo Pecora. Abbiamo postato una risposta nel forum di AmmazzateciTutti, che riportiamo di seguito. Come risposta, praticamente immediata, la Casa della Legalità è stata BANNATA in tronco! Il nostro IP e quello di altri, sparsi in Italia, e facenti parte della Casa della Legalità, idem. A vederla in maniera positiva, è un errore; in modo negativo una presa di posizione dispotica e regimenetale.
Subito abbiamo pensato ad un problema tecnico, visto che username e computer con IP diversi sparsi per l'Italia non avevano "accesso". Poi qualcuno da altro computer con IP diverso da quelli consuetamente usati, è riuscito ad entrare e scoprire che il Forum funzionava benissimo. E' riuscito a vedere (e salvare tutto) compreso l'immagine qui a sinistra con la dicitura "Banned" e la risposta dell'Avvocato "Pierino" che contiene illazioni infondate, gratuite e pesanti, che riportiamo di seguito al nostro post e la risposta dell'Amministratore Aldo Pecora (e riportiamo pure questa), con la copia cache della pagina. Visto ciò diventa evidente che non è, come alcuni l'avevano interpretato, un errore tecnico, e nemmeno uno scherzo. Siamo davanti ad un nuovo "dictat", sul modello di quello "bulgaro": chi la pensa come me bene, chi la pensa diversamente da me o non accetta il mio pensiero: fuori, eliminati, senza diritto di esistere e parlare.
Quello che ci dà da pensare è che, molti ragazzi visitano il forum, parlano, s'informano, affermano la loro voglia di combattere le mafie.......di combattere quel sistema di prepotenza e tracotanza propio di queste organizzazioni criminali, ed ora qualcuno che si erge ad unico ed indiscusso combattente contro le mafie, utilizza lo stesso identico metodo. Complimenti! Troviamo spaventoso questo atteggiamento, e pericoloso ed in aggiunta inutile...se si ha un fine congiunto. La "guerra dei poveri", non c'interessa. Ci preme continuare una lotta assieme, far sentire la nostra voglia di lottare, alzare il capo contro le mafie. Non smettere di "gridare" i nomi delle Famiglie mafiose, non smettere di ascoltare le persone che cercano di liberarsi dal giogo delle mafie, aiutare a ritrovare quel "fresco profumo di libertà", noi andiamo avanti, continuiamo a combattere, e ben venga ogni nuovo compagno di viaggio.
Speriamo, auspichiamo, un ripensamento, non per noi ma perchè la lotta alle mafie non è un gioco e non può, non deve essere patrimonio di uno soltanto...è effettiva lotta, efficace e vincente, solo se fatta da tanti, nelle miriadi di idee, colori e differenze. Il ripensamento auspicato anche perchè non si gioca nemmeno con l'indignazione delle persone, non si può giocare, rubare o strumentalizzare i sogni dei ragazzi e delle ragazze che hanno trovato la forza ed il coraggio di aprirsi ad altri ed iniziare una battaglia giusta e difficile, soprattutto in quella splendita terra che è la Calabria e che i ragazzi della Gurfata ci hanno fatto entrare, per sempre ed indelebilmente, nel cuore e nella testa.

L'Ufficio di Presidenza
Christian Abbondanza, Simonetta Castiglion, Enrico D'Agostino


NOTA: naturalmente il forum della Casa della Legalità è aperto per ogni risposta e intervento, il post che abbiamo aperto questa notte sulle vicenda è in "liberaMente", nel topic "speriamo non si debba ripetere"

NOTA INTEGRATIVA ALLE ORE 16:30: un altro errore sopraggiunto d'improvviso nella pagina dei link? Tra i link indicati dal sito di "AmmazzateciTutti" vi è la Casa della Legalità, soltanto che adesso anzichè cliccare e finire nel nostro sito si finisce in su un altro, www.genovaweb.net. Inoltre abbiamo dimenticato di segnalare che la "Casa della Legalità" e "Balilla", per esempio, il primo l'username della struttura stessa ed il secondo del segretario della nostra associazione, avevano un "livello di avvertimento" per violazioni del Regolamento, pari a 0%! Come peraltro la grandissima maggioranza degli altri "bannati". 
Non vorremmo proprio tirare le conclusioni che chi gestisce il Forum di AmmazzateciTutti, abbia confuso questo strumento di discussione e incontro contro le mafie e quindi di impegno civile, come spazio dove portare la propria convinzione politica e, quindi, escludendo quelli che con gli stessi obiettivi di giustizia e legalità hanno opinioni e convinzioni diverse, che abbiamo o meno fatto o facciano politica. Un forum di questo tipo è un forum di tutti, perchè la lotta alla mafia non è -e non deve essere- etichettata, è e deve restare trasversale. Questo atteggiamento e questi fatti, non possono mettere in discussione la passione e la volontà di lottare insieme contro le mafie, propria di coloro che, come noi, hanno contribuito e contribuiscono alla discussione del Forum stesso.



Questa è la lettera-appello che abbiamo inviato al Forum AmmazzateciTutti e su cui non abbiamo ricevuto risposta, oltre che vedere le discussioni su cui era stata inserita trasformate in discussioni "chiuse".

Lettera aperta di Elio Veltri al Ministro Pisanu
Signor Ministro, sono convinto che Lei abbia fatto bene a promuovere una inchiesta amministrativa sulla Asl di Locri. E sono anche convinto dalla inchiesta condotta dal prefetto Paola Basilone sia emerso un quadro devastante di collusioni e di controllo dell'Asl da parte di una o piu' cosche della 'ndrangheta di Locri, mi occupo di questi problemi da almeno 30 anni e credo di conoscerli abbastanza bene. Temo anche che dalle conclusioni dell'inchiesta possano emergere contiguità se non collusioni insospettate e insospettabile: in Calabria è molto difficile evitare o rompere rapporti inquietanti. Lo stesso dottore Fortugno, primario dell'ospedale di Locri , infatti, telefonava - come risulta dalle intercettazioni pubblicate da alcuni giornali - ai capi della cosca Morabito di Africo, una delle piu' temibili e potenti della 'ndrangheta la quale l'ha fatta da padrone per molti anni nel Policlinico di Messina.
Se lei Signor Ministro, vuole dare un contributo all'accertamento della verità , pubblichi subito la versione integrale della relazione. Solo dalla lettura dei fatti, dei nomi, e dei rapporti intercorsi si potrà capire ne negli anni qualcuno si è opposto allo strapotere delle cosche, quali rapporti esistevano tra la borghesia dei camici bianche , degli amministratori , dei politici e le cosche che controllavano l'Asl e forse , si capiranno anche le ragioni del terribile assassinio dell'on.Fortungno



Per il post che abbiamo inserito (ed a cui è seguito il "bannaggio di massa") com le risposte dell'avvocato "Pierino" e dell'Amministratore Aldo Pecora. A voi le conclusioni. clicca qui



In risposta all’intervento dell’Avvocato Pierino clicca qui (di qui perché la risposta, giunta dopo il “Bannaggio di Massa”, non ci permette di darla agli altri iscritti al forum AmmazzatteciTutti.

[Pierino] Bene
prima di tutto premetto che mi sono permesso di cancellare e opportunamente modificare il link (che è uno spam bello e buono);
Non sapevamo che il link ad un appello per Verità e Giustizia per un omicidio mafioso fosse in un sito di lotta alla mafia un fatto di SPAM!
[Pierino] in secondo luogo mi complimento con i firmatari del post che precede per come hanno capito il rapporto intersistente tra Aldo e Sacha (vorrei ricordare a chi non lo sapesse che Sacha è un bambino di 12 anni) che definisco bilatelarmente idilliaco.
Non sapevamo che tacciare altri impegnati nella stessa battaglia (in questo caso noi) di essere “traditori”, “nemici” ed altro e che insultare un ragazzo che usa la rete liberamente sia un rapporto “iddiliaco”!

[Pierino] Voi veramente pensate che Aldo, persona adulta e per bene darebbe dello STRONZONE ad un bambino di 12 anni con l'intenzione di offenderlo ???
Abbiamo chiesto appunto una spiegazione pubblica per accuse e insulti pubblici. Dicendo che se era uno scherzo, di pessimo gusto, l’autore, cioè Aldo, doveva dirlo, se invece era un attacco vero e proprio chiedevamo le scuse, per chi è stato insultato e per la nostra struttura!

[Pierino] Complimenti ancora una volta se la pensate così....
Come dovremmo pensarla se ad una domanda legittima la risposta è da un lato altri insulti, il bannaggio di massa e l’appello a tornare a “cazzeggiare”?

[Pierino] Infine e brevemente perchè ne ho le balls piene...
Come definireste chi ha preso informazioni su di me con mezza Italia ?
Non sappiamo chi le abbia prese e fatte, comunque non è nulla di vietato o assurdo cercare di sapere chi si incontra per strada. Come non comprendiamo, ad esempio, chi mette foto diverse dalla propria o chi è avvocato e non vuole che si sappia. Su un sito impegnato nella lotta per la legalità e la giustizia ci pare un poco, per lo meno, strano. No?

[Pierino] Come definireste chi vuole il mio nome e cognome per venire a casa mia a rompermi il culo ?
Noi non ne abbiamo la minima idea. Se esistono persone che ti hanno minacciato speriamo che tu abbia provveduto a farne immediata denuncia alle autorità preposte!

[Pierino] Come definireste, infine (e tutti lo avete letto), chi augura la mia morte ?
Augurare la morte a qualcuno è una cosa inqualificabile. E ripetiamo: se esistono persone che ti hanno minacciato speriamo che tu abbia provveduto a farne immediata denuncia alle autorità preposte! Altrimenti se non vi sono denunce e segnalazioni, qualcuno potrebbe pensare che siano pure illazioni.

[Pierino] Come definireste chi manda e-mail in giro riguardanti la vita di Aldo ?
Noi non abbiamo mai mandato e-mail sulla vita di Aldo. Naturalmente chi fa determinate attività è soggetto a questo tipo di iniziative (non sai quante ne girano sul conto di alcuni di noi ).  Chi fa attività pubblica, sa benissimo di essere oggetto di curiosità e la rete, soprattutto chi vi opera da tempo, è “tracciato”, basta andare nei motori di ricerca e viene fuori tutto. Se uno non ha nulla da nascondere che problema c’è?

[Pierino] Certamente non un pacifico "unto del Signore"...
Chi, come l’Unto del Signore del editto bulgaro che ha cancellato, eliminato Biagi, Santoro, Luttazzi e poi la i Guzzanti, Rossi, Travaglio, Hendel, Beha… ha usato il suo petere e le sue influenze per eliminare chi la pensa diversamente da lui. Chi usa il potere di Amministratore in un forum e, a sua sola discrezione, banna (quindi cancella, elimina…) chi la pensa diversamente da lui ha lo stesso atteggiamento del primo “unto del signore”. E’ colpa nostra? Dimostri che non è così, riammettendo nel forum chi è stato cacciato, eliminato, ridotto al silenzio, prima di noi e poi con noi! Dimostrerà che era solo un po’ di nervosismo!

[Pierino] Eppure posso assicurarvi che sono persone che si vantano di far parte di questa o di quella associazione antimafia...ed a volte firma pure richieste di scuse...
Scusa ma non comprendiamo il senso logico della frase!

[Pierino] Non ho mai pensato di querelare nessuno benchè le polemiche ritengo che su un LIBERO FORUM DI DISCUSSIONE tutto ciò può accadere (anche se senza un minimo di pregio).
Le discussioni devono essere libere, siamo tutti concordi, anche se mi sembra che nella pratica, dovrai ammettere, che chi non è concorde con l’Admin viene “bannato” sistematicamente. Se qualcuno minaccia o diffamazione, questo è ben diverso e qui, è dovere di verità e chiarezza fare le denunce.

[Pierino] Bisogna guardare dall'alto certe cose, comprenderne i motivi e passarci sopra.
Ci abbiamo provato. Abbiamo sempre fatto interventi in questo Forum per calmare gli animi e invitando al rispetto delle diverse posizioni di ciascuno.  Ma via via, chi la pensava diversamente si trovava post cancellati, post bloccati, bannaggi… da quale prospettiva bisogna guardare a questi “fatti” (non opinioni) per trovarci qualcosa di positivo? Se lo sai faccelo sapere.

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger