Lido d'Albaro, si diffondo i nomi e gli intrecci ed il consiglio comunale respinge la variante!

Scritto da Ufficio di Presidenza
Marta Vincenzi ed il suo braccio destro, il consulente Nando Dalla ChiesaDopo la diffusione della nota "Che intrecci di interessi e legami attorno al Lido di Albaro", pubblicata sul sito della Casa della Legalità e inviata agli organi di informazione, per rendere pubblico quali fossero i protagonisti e l'intreccio di interessi alla base dell'operazione Lido d'Albaro, fortemente voluta e sponsorizzata dalla sindaco Vincenzi-Marchese, la variante promossa dalla Giunta Comunale per rendere compatibile la speculazione edilizia (da centomilioni di euro) sul litorale del levante genovese è stata bocciata dal Consiglio Comunale di Genova con 25 voti contrari e 22 a favore.
Quando le informazioni sui fatti, con nomi e cognomi, si diffondono diventa difficile, anche per chi è incline al fare da stampella, far finta di non sapere cosa c'è dietro a certi progetti, e così i "giochi delle parti" rischiano di finire male...
Così è stato, infatti, per l'ennesimo tentativo di piegare l'interesse generale, i vincoli urbanistici ed ambientali, agli interessi privati degli amici e degli "amici degli amici", che si è quindi infranto nella sala rossa di Palazzo Tursi. Chissà come la prenderanno, ora, i protagonisti di questo intreccio d'interessi che, supportati da Marta Vincenzi, avevano già programmato, ad esempio, la chiusura a fine anno del Garden perché già proiettati - probabilmente per le rassicurazione dategli dal Primo Cittadino - verso il "Nuovo Lido"?

L'Ufficio di Presidenza
C.Abbondanza, S.Castiglion, E.D'Agostino


--------------------------------------------------------------------------------------------

La nota stampa inviata alle 14:30 di oggi dalla Casa della Legalità
Nota Stampa su "Genova, Consiglio Comunale e progetto Lido di Albaro"

Il progetto di speculazione pianificata della zona di Boccadasse sta arrivando alla sua tappa finale, con la premura della signora Sindaco Vincenzi-Marchese per l'approvazione del progetto di speculazione sul litorale del Lido di Albaro, che tanto ha sponsorizzato ancora prima che le carte fossero sui tavoli dei tecnici del Comune.
Come Casa della Legalità ci siamo occupati tra i primi della vicenda, mettendo in evidenza quanto questo ultimo tassello non fosse altro che l'ultima tappa della già realizzata speculazione legata allo Stadio del Nuoto e quella in via di attuazione relativa alla Rimessa ex AMT/AMI di Boccadasse, su cui, però, per fortuna, a seguito di quanto da noi pubblicato, sta indagando la Procura di Genova, entrambe - guarda caso - operazioni delle coop rosse.
Visto che la premura di piegare, ancora una volta, i vincoli urbanistici e di tutela della costa, agli interessi privati, di cui la Sindaco si è fatta supporter di primo piano, abbiamo deciso - dopo diversi articoli ed un video, e considerando che oggi il Consiglio Comunale è chiamato a votare sulla questione dell'operazione Lido - di mettere sul piatto alcune informazioni in più sui protagonisti che ruotano attorno a questo progetto ed al futuro di quell'area, per cercare di capire i loro legami ed interessi. Questo approfondimento è stato pubblicato con la nota dell'Ufficio di Presidenza della Casa della Legalità, sul sito ufficiale www.casadellalegalita.org, dal titolo "Che intrecci di interessi e legami attorno al Lido di Albaro".
FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger