Il "ballo" delle firme in Liguria, dove il giudice certifica firme in più

Scritto da Ufficio di Presidenza
In Liguria la Commissione Elettorale certifica più firme di quelle depositate

Quanto avevamo denunciato pubblicamente come Casa della Legalità sulle firme delle liste di appoggio ai candidati alla Presidenza della Regione Liguria, Burlando e Biasotti [leggi la nota di sabato 6 marzo], è ora in prima pagina su Il Secolo XIX, mentre qualcosa pare muoversi anche in Procura...
Non dovrebbe essere molto complicato individuare le prove: si crea un database con i "sottoscrittori" delle liste per le elezioni regionali in appoggio a Burlando e Biasotti, nelle circoscrizioni elettorali della Liguria, e si inseriscono in parallelo i dati dei firmatari di Alternativa Sociale del 2005. Trovati gli incroci si convocheranno i "presunti" firmatari ed i certificatori così che possano confermare o smentire. Le sorprese non dovrebbero proprio mancare... come non mancarono, ad esempio, nel 2005 in Toscana, dove un consigliere "certificatore" prese i nominativi e le firme dai tesserini degli iscritti all'Arci (che naturalmente erano ignare) e li usò come "sottoscrittori" della lista di Alternativa Sociale.
Proprio per questo è importante che si verifichi anche la responsabilità della "certificazione"... anche perché alcuni "autenticatori" dovrebbero spiegare come hanno fatto ad autenticare migliaia e migliaia di firme che magari risultano raccolte in poche ore.

Detto questo qualcuno che nella giornata appena trascorsa, dopo il week end in cui la "Casa della Legalità" ha lanciato per prima in rete la notizia della compravendita di firme, è passato al Palazzo di Giustizia ma non ha potuto vedere le schede, in quanto il presidente della Commissione Elettorale, il giudice Alberto Haupt (del Tribunale Civile di Genova), non ha permesso a nessuno di vederle. Quegli stessi visitatori però hanno potuto notare una certa agitazione nel Palazzo.

Marco Menduni e Matteo Indice, su Il Secolo XIX, riportano alcune informazioni che forse spiegano la fonte di certa ansia nella Commissione. Si tratta di un dato sconcertante e che pone la Liguria in "controtendenza" rispetto al resto del Paese. Infatti qui le firme depositate non mancano, anzi... a Genova sono state "riconosciute valide" dalla Commissione presieduta dal giudice Haupt più firme di quelle materialmente depositate dalle liste...
Ecco gli esempi pubblicati da Il Secolo XIX dei dati ed estratti dal Verbale della Commissione firmato da Haupt.

Sulle firme del PDL si legge nel verbale "L'Ufficio, effettuate le previste verifiche, dà atto che 2214 dei presentatori hanno regolarmente sottoscritto la dichiarazione", peccato che le firme depositate dal PDL fossero 2192, da dove siano uscite le 22 certificate in più dalla Commissione è un mistero.
Stesso mistero per le firme di "NOI CON BURLANDO": depositate 2359 firme ma riconosciute valide dalla Commissione 2365. Ed ancora, un ultimo esempio, RIFONDAZIONE-COMUNISTI ITALIANI: depositate 2235 firme ma riconosciute valide dalla Commissione 2253.

A questo punto sorge spontanea una domanda: ma quale verifica ha fatto la Commissione? Con quale attenzione ha verificato le firme dei sottoscrittori? Da che mondo è mondo le firme valide sono sempre un po' meno di quelle che vengono depositate, qui, invece le firme sono aumentate!
Non solo: su 35.143 firme di sottoscrittori complessivi delle liste per la Circoscrizione di Genova non è risultata alla Commissione alcuna doppia firma... come hanno assicurato in nome degli scrupolosi controlli e conteggi ai giornalisti de Il Secolo XIX. Ma anche questo dato - e questa certezza, visti i numeri riportati sopra - appare molto curioso.

A questo punto, se dei partiti non ci si può fidare perché la compravendita di firme è una pratica costante da una tornata elettorale all'altra, le risultanze "anomale" della Commissione presieduta da Haupt non sono certo rassicuranti e potrebbero anche far pensare che in Liguria doveva forse passare tutto liscio e tranquillo, senza troppe attenzioni.

Attendiamo quindi che ogni verifica sia fatta in fretta ed in ogni direzione!

PS
E poi se vogliamo parliamo del senso di una Legge - quella delle firme per la presentazione delle liste alle competizioni elettorali - che è sistematicamente e serialmente violata dagli stessi partiti che l'hanno approvata!

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger