In ta chiazza c'è chi ride e c'è chi rode...

Scritto da S.Castiglion

Ridi che ti passa...

 In ta chiazza c'è chi ride e c'è chi rode...
Soffia una brezza frizzantina, ed il sole scalda gli animi da 'chiazza'....Na chiazza come tante!
Il mercato rionale si anima di colori e di suoni dal sapore antico......na 'combriccola' si saluta a festa in "Concordia" vicino a chiazza (gli "amici" che stavano sul retro nun ci su 'cchiu), e tra un saluto e nu caffè ci stà pure u volantino che parla du cammino. Quando gli arriva sul tavolino presto svanisce lu sorriso: "mai si vitti accussi tantu cuomu nica Rijesi"

 Occhi sgranati, parlata sempre più stretta a segno del ribollir del sangue per l'onta subita...
...prima l'amarezza per la sopressione da Festa da "Catena"........adesso chistu, 'mpami!
A combriccola si divede per seguire lo volantino, manca solo il "pupillo", ma qualcuno glielo darà.
A mezzodì ripassanno da a chiazza alberata, si và a prendere nu bello caffè, in ta piccola gelateria, dove a nipotina picciridda nn ce stà. Dopo gli squilli ed i trilli chi t'arriva? Tutta la"famiglia" con lu zi Vené. E' na "raffica".....di foto....."SSO ragazzi"....de CosaNostra!!!!!
Quando ìssiru verso e tre macchine ( chiaramente, in divieto ), vasa in' nmucca
 ed minchinu come ritu prevede per ribadire le radici a Certosa. Salutandosi, direzione Marassi... Un presagio?
Noi lo prendiamo come promessa, perchè in una città pulita, si sà, si vive meglio!
Saluti a tutta a "chiazza"!

PS domanda a cumbriccola: l'Ansalone, ora, unni sta?

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger