Beppe Grillo e Liste Civiche

Scritto da Ufficio di Presidenza

COMUNICATO STAMPA
La Casa della Legalità e della Cultura condivide ed appoggia pienamente la necessità, evidenziata da Beppe Grillo, di Liste Civiche con persone per bene, slegate dai partiti, come unica soluzione al pantano in cui l’oligarchia politica italiana tiene il Paese...

Coalizioni complementari, che si sostengono – di fatto – a vicenda e che rappresentano soltanto la commistione affari & politica, quando non addirittura mafia & politica, senza curarsi del bene comune, in un chiaro atteggiamento di “oppressione” delle energie e delle speranze degli italiani. Le persone per bene che stanno oggi dentro i partiti e le coalizioni sono isolate. La classe dirigente – trasversalmente – ha promosso una cultura dell’illegalità, dell’impunità, di commistioni con affaristi e furfanti della finanza, con poteri criminali come le logge massoniche deviate e le mafie. I problemi del Paese, partendo dalla necessità di legalità e giustizia sociale, di un informazione corretta, della conoscenza e del sapere critico - fondamenta necessarie ad un economia solida - non vengono affrontati. La demagogia ed il populismo si sono fatti “forza di governo” con centro-destra ieri e con il centro-sinistra oggi, come dimostrano le cosiddette misure per la sicurezza con, ad esempio, la demonizzazione degli “ultimi” e l’equiparramento delle vittime della tratta del sesso con i loro carnefici, con le grandi parole sulla “Giustizia” ed i provvedimenti per rallentarla ancora di più e tutelare i Potenti.
In Italia serve che gli italiani divengano consapevoli di essere “oppressi” dalla nomenklatura di destra, di centro e di sinistra. Movimenti, associazioni, gruppi, insieme a Beppe Grillo, stanno promuovendo non l’antipolitica, bensì la politica autentica, in cui i cittadini partecipano e si ribellano alle ingiustizie ed alle scelte scellerate. Questo cammino passa dall’informazione sui fatti, dal ragionamento individuale e collettivo, dalla liberazione della coscienza dalla condizione di sudditanza, di passività in cui il Potere tiene gli Italiani, con il controllo del sistema di informazione e facendo leva su un sistema che fa percepire ciascun cittadino come incapace di poter pensare il giusto ed agire conseguentemente. Il V-Day ha messo in luce che i cittadini ora sono consapevoli delle bugiarderie, delle mistificazioni e degli inganni del Potere e agiscono per cacciare i ladroni e i furbetti dal Tempio. E’ un passaggio logico quello di sostenere, quindi, quelle liste civiche che nascono dal basso, dai problemi reali. I Comitati, le Associazioni, i Movimenti non sono più e non possono essere più ostaggio di un sistema di Potere auto-referente e chiuso. Questo a Genova, come a Vicenza, a Palermo come ovunque nel Paese. Beppe Grillo è stata la “voce” della coscientizzazione liberatrice degli “oppressi”, che vuole dire assunzione di responsabilità in cui tutti sono chiamati a “fare di più” per un cambiamento reale, partendo dal territorio in cui si vive e si opera. I Meet Up, con cui collaboriamo da tempo, sono uno strumento straordinario di partecipazione e passione civile. Le Liste Civiche saranno lo strumento per far sì che la “politica” vera, quella che considera la questione morale una discriminante, possa, finalmente, gestire la cosa pubblica per il bene comune e non per alcuni interessi particolari.
Come dirigenti della Casa della Legalità sosteniamo con forza questo progetto che può portare aria fresca nelle Istituzioni, con decisioni partecipate e limpide, fuori da ogni clientelismo, corruttela e lobby. Naturalmente, come abbiamo sempre detto, avendo compiuto una scelta, quella della lotta alle mafie, alla corruzione ed all’illegalità, non ci candideremo.

L'Ufficio di Presidenza
C.Abbondanza, S.Castiglion, E.D'Agostino

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger