Qualcosa in più sui "diossini" - vecchie e nuove stagioni

Scritto da C.Abbondanza - S.Castiglion

 Chissà come la prenderebbero, se lo sapessero, i lavoratori del Porto di Genova che chiedono invano sicurezza e dignità, nel sapere che tra i principali finanziatori dei DS vi sono proprio i loro “padroni”. E soprattutto chissà come la prenderebbero i colleghi e familiari del portuale morto pochi mesi fa a Genova, sotto un carico di cellulosa, nel sapere che i soldi che la società Forest spa non investe in sicurezza, sono andati nelle casse dei Ds. Non lo possiamo sapere, ma crediamo, non la prenderebbero bene...

Dalla lista dei finanziamenti ai partiti del 2004, per i Ds, risulta infatti, oltre alla IGM ENGINEERING IMPIANTI di Genova (quella del consorte e della figlia di Marta Vincenzi) con 50.000 euro, ci sono altre società. Una è proprio la FOREST SPA di Genova, di la cui proprietà è praticamente la stessa di altre tre società di Savona, la CONCORDIA srl, la ANCHOR SHIPPING AGENTS spa e la ANCHOR CHARTERING srl. Queste nel 2004, ad esempio, hanno versato 10.000 euro a testa (per totale di 40.000 euro) ai Democratici di Sinistra. Nello stesso anno anche la CITY ENGINEERING srl con capitale sociale di 100.000 euro, ha versato 75.000 euro, forse perché ci teneva a premiare un’amministrazione di una città dove ha lavorato e lavora molto, da San Benigno a Bolzaneto, dal vecchio porto al mercato del pesce e via così. Questa è legata tramite l’unica proprietaria e l’amministratore a varie altre ditte come la Ser.Te .Co. S.r.l., la Vecchia Darsena , Immobiliare Esperia ed altre.
Ma questo è tutto regolare. Previsto dalla legge. Che poi chi versa sia chi ha concessione o lavori questo non conta, sono le solite bazzecole, italiane.
Una cosa non molto regolare e per cui persino scoppio pesante un conflitto di interessi “rosso”, fu la proposta della “Nuova Genova srl” per alcune modifiche al Piano Regolatore di Genova. La Nuova Genova srl era l’immobiliare della Federazione provinciale del PDS – DS. Infatti il socio di maggioranza era la Federazione stessa, il socio di minoranza era il segretario provinciale (prima Claudio Montaldo poi Ubaldo Benvenuti) ed amministratore era Renato Penzo, cioè il tesoriere della Federazione. La “Nuova Genova srl” voleva aumentare il valore dei propri immobili e quindi tentò con l’Amministrazione Pericu quello che non avrebbe mai potuto pensare con Adriano Sansa sindaco. Propose alcune modifiche che non avevano ne capo ne coda, ma che se accolte potevano aumentare di molto il valore dei beni immobili da poter vendere con maggior guadagno. Ad esempio volevano che la palazzina in via Luca Cambiaso 1 canc divenisse zona storica, uniformata al vecchio palazzo del Comune di San Fruttuoso in Piazza Manzoni. Peccato che non c’entrasse nulla sia perché non era storico, sia perché era inserito in zona di servizi, sia anche perché la palazzina stessa era adibita a quello, con una antica e vera società di mutuo soccorso al piano terreno, sia perché è circondata da palazzi di servizi (scuole, asl, amiu). La cosa che gli allora “sansiani” rimasti nei Consigli sollevarono era da un lato l’infondatezza della richiesta e dall’altro il palese conflitto di interessi degli eletti nelle liste DS nei consigli circoscrizionali e comunale. Infatti questi potevano con il loro voto creare un vantaggio alla propria Federazione Provinciale. La stampa, fortunatamente, ne parlò, l’ufficio tecnico boccio le richieste. Come si vede, per loro il Conflitto di Interessi non è un problema, d’altronde non l’hanno risolto nemmeno per Berlusconi, figuriamoci se lo affrontano per loro o per “la” sindaco. Ahh, domanderete: la Nuova Genova srl che fine ha fatto? E’ in liquidazione ed il patrimonio immobiliare è passato alla BETA IMMOBILIARE srl la società immobiliare nazionale dei DS che conta come capitale sociale di 2.520.094,72 euro, quindi  nel 2003 sciolta dopo diverse scissioni…(presto qui, l’estratto di tutta la visura).
Questa è la “nuova politica”, che pensa ai problemi della gente, quella “diversa” dal polo di Berlusconi. A noi, ancora una volta, viene il voltastomaco.

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger