Da Sviluppo Genova a Infrastrutture Liguria... tra donne di sindacato, partito e carriera fulminea

Scritto da Ufficio di Presidenza

Claudio BurlandoLa Sviluppo Genova spa dopo l'inizio della Tangentopoli genovese era ormai bruciata. Qualcuno potrebbe anche osservare che Regione, Comune e Provincia hanno cambiato anche il vertice...vero, verissimo, ma lo hanno fatto solo una volta concluso il grosso degli appalti per Cornigliano, ovvero quelli al centro dell'Operazione Pandora.

Claudio Burlando, inoltre, aveva tentato di espandere la territorialità, quindi il raggio di azione di Sviluppo Genova, pur non potendolo fare, tanto che tale deliberazione è stata stoppata. Ma vi è un particolare: dopo i grandi appalti per Cornigliano, demolizioni e bonifiche, il nuovo settore del business è quello delle costruzioni... ad esempio per l'Ospedale di La Spezia o le altre opere nel savonese e ponente ligure.
Ed allora ecco che...


Claudio Burlando fa costituire al volo la "INFRASTRUTTURE LUGURIA srl"
, al 100% pubblica, con la Filse, la finanziaria regionale.

Alla guida di questa nuova società pubblica vengono collocati uomini di estrema fiducia dello stesso Presidente della Regione, praticamente un CdA targato "Maestrale", l'associazione-blocco di potere di Burlando. Nel Consiglio di Amministrazione della Infrattutture Liguria srl entrano i già consiglieri Filse, Giuseppe Edoardo Bozzo e Ugo Ballerini (gìà PSI, del gruppo e legato a Ermido Santi, che risultava iscritto attivo alla P2, n. 772) insieme a Giovanni Battista Poggi (detto Gian Poggi) che si era trasferito in Regione dopo aver retto le colonne dell'Urbanistica della macchina comunale sotto le due giunte Pericu.

Ma una nuova società ha bisogno di un gruppo operativo, oltre che di un Cda, ed allora detto e fatto, in un batter d'occhio, il vecchio gruppo di Sviluppo Genova spa si sposta in blocco in Infrastrutture Liguria srl.

Quindi tra coloro che passano alla nuova società vi è Simona Brun, ingegnere, che era entrata nel 2000 a Sviluppo Genova con contratto da formazione lavoro (12.400 euro circa all'anno) per fare una fulminea carriera ed arrivare nel 2006 a toccare i 70.000 euro annui e sui centomila ad oggi (vedere ricostruzione in coda). Di questo sarebbe bello capire con quale criteri, essendo davanti ad una società pubblica, si sono effettuati gli avanzamenti visto che, tali scatti, sono praticamente automatici... Chissà se Burlando vorrà spiegarlo, anche perché con le voci che girano in Regione in questi giorni su promozioni e carriere fulminee di presunte amanti, qualcuno potrebbe pensare male, dal ponente di Cornigliano sino a Nervi... (in questo mondo di "lazzarini" è meglio chiarire sempre le cose che riguardano società e soldi pubblici).

Ma con l'Ing. "speedy" Brun è passato in toto anche lo storico "Ufficio Appalti" della Sviluppo Genova spa (che con Saffioti costituiva anche la "Commissione di Gara" per assegnare gli appalti che si bandivano e gestivano - vedere uno dei verbali di gara in formato .pdf). Quindi passano ad Infrastrutture Liguria srl anche:
- Brunella Pochini, proveniente dalla potente FILLEA-CGIL guidata da Venanzio Maurici che da sempre ha difeso i Mamone (vedere link e leggere lista relativa alla Fillea);
- Alba Bisio, già diessina, ora del direttivo del PD di Sestri Ponente (vedere link) e che da indiscrezioni avute sarebbe legata da rapporto di amicizia con Angela Mamone (zia di Gino Mamone della Eco.Ge, in quanto sorella del padre Luigi - moglie di Silvio Criscino, arrestato e condannato per usura).

Intanto tra le indiscrezioni raccolte, si può proporre, sulla base di queste, anche un passaggio sui vecchi rapporti (ai tempi degli appalti oggetto dell'attenzione e contestazione da parte della Procura). Da queste ad esempio si evince che Alberto Ghio era spesso in contatto con Massimo Casagrande (l'avvocato e uomo dei Mamone, come confermato dall'immobiliarista Caparelli che ha dimostrato di voler collaborare con gli inquirenti), mentre Salvatore Saffioti incontrava Mario Margini (il super-assessore comunale sia con Pericu, sia con la Vincenzi-Marchese), sempre fuori sede, da buoni amici.

E' interessante anche considerare che quando Saffioti è stato mandato via (per la questione Voltri, mica per gli appalti di Cornigliano!), Alessandro Repetto, Presidente della Provincia, scrisse una lettera ad Alberto Ghio affermando che non era prudente questo tipo di comportamento nei confronti di Saffioti. Chissà cosa avrà voluto dire... mah?



LA CARRIERA FULMINEA DELL'ING. SIMONA BRUN alla SVILUPPO GENOVA spa

giugno 2000
assunzione con contratto di formazione lavoro per 12 mesi
livello 5° CCNL dipendenti aziende Edili ed Affini (23.520.000 lire retr. annua lorda)

dicembre 2001
premio una tantum (lire 1.900.000)

giugno 2002
trasformazione del rapporto di lavoro con Contratto di Formazione lavoro a contratto a tempo indeterminato
livello 6° CCNL dipendenti aziende Edili ed Affini (+ 2.500 ca)

maggio 2003

livello 7° CCNL dipendenti aziende Edili ed Affini (+ 2.500 ca)

dicembre 2003

premio una tantum (euro 2000 ca)

dicembre 2004
livello 7° sezione Quadri - CCNL per dipendenti di aziende Edili ed Affini

novembre 2005

Attribuzione deleghe - decorrenza 1 gennaio 2006 aumento retributivo

agosto 2006
Nomina a dirigente decorrenza CCNL per il personale dirigente delle aziende industriali
(euro 69.291 retrib. annua lorda)

Fine 2006 referente bonifiche con congruo aumento economico


Carriera sprint: dal 19 giugno 2000 al 31 luglio 2006 da 12.147 euro a 69.291 = più 57.144

Nel 2008, ha superato i 100.000 euro

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger