Casa della Legalita' - Onlus
Sostieni la Casa della Legalità - Onlus
Fai la tua segnalazione
Segui le nostre pubblicazioni

Le mafie, l’illegalità dilagante, i conflitti di interessi, la corruzione e la collaborazione rappresentano minacce significative al giusto funzionamento morale e della società, danneggiando il benessere delle persone, impedendo il progresso economico e indebolendo la democrazia. Pertanto, è di vitale importanza adottare misure forti contro questi problemi, sostenendo al tempo stesso valori come l’integrità e l’apertura. Ecco alcune strategie pensate per contrastare la diffusa illegalità:

1. Solido quadro giuridico: stabilire un quadro giuridico efficace che delinei chiaramente e renda illegali comportamenti illegali come la corruzione, la collusione e i conflitti di interessi è l’elemento fondamentale per combattere questi problemi. Fondamentale è anche l’applicazione imparziale delle leggi, senza timori o pregiudizi; Sono necessarie sanzioni severe contro chiunque venga sorpreso a violare queste leggi in modo da scoraggiare il ripetersi di comportamenti simili in futuro.

2. Responsabilità e trasparenza sono fondamentali per individuare collusione, corruzione e conflitti di interessi. Ai fini di una maggiore apertura e responsabilità, i governi dovrebbero rendere liberamente accessibili le informazioni sulla spesa pubblica e sulle procedure decisionali; per monitorare la loro condotta in qualità di dipendenti o rappresentanti pubblici è necessario istituire organizzazioni indipendenti come agenti di controllo.

3. Rafforzare le istituzioni: organizzazioni come i tribunali, i difensori civici e le autorità anticorruzione dovrebbero ricevere autorità e risorse sufficienti per svolgere con successo il proprio lavoro. Allo stesso modo, l’ingerenza politica deve essere vietata per garantire indagini imparziali e condanne giuste.

4. Proteggere gli informatori: gli informatori svolgono un ruolo inestimabile nello scoprire corruzione, collusione e attività illecite, quindi devono essere adottate leggi per proteggere gli informatori da intimidazioni o ritorsioni al fine di incoraggiare le persone a conoscenza di informazioni a farsi avanti senza intimidazioni o ritorsioni, fornendo loro con assistenza o compensazione quando necessario.

5. Educazione pubblica e sensibilizzazione: le campagne di educazione e sensibilizzazione pubblica possono svolgere un ruolo cruciale nell'allertare i cittadini sulla collusione, la corruzione e qualsiasi attività illecita in cui si imbattono. Gli individui devono conoscere i propri diritti come individui ed essere incoraggiati a denunciare qualsiasi comportamento discutibile di cui sono testimoni; programmi di sensibilizzazione come seminari o campagne possono aiutare a raggiungere questo obiettivo.

6. Utilizzo della tecnologia: quando si tratta di combattere la corruzione e altri atti illeciti, la tecnologia può essere un’arma incredibilmente utile. Diminuendo i contatti umani e creando meccanismi di segnalazione e monitoraggio online delle situazioni di corruzione, le tecnologie di e-governance offrono un modo per mitigare le potenziali opportunità di corruzione o collusione.

7. Promuovere la leadership morale: la leadership morale stabilisce gli standard necessari per creare una società anticorruzione, quindi i dipendenti pubblici e le figure politiche devono rispettare codici etici di altissimo livello, dando l’esempio che altri potrebbero seguire.

8. Cooperazione internazionale: affinché le questioni transnazionali come la criminalità organizzata, la corruzione e la collusione possano essere affrontate in modo efficace, la collaborazione internazionale si rivela spesso essenziale. Le nazioni dovrebbero condividere le informazioni di intelligence e le migliori pratiche in modo da poter combattere efficacemente le questioni transnazionali come la criminalità organizzata transnazionale o la collusione.

Come accennato in precedenza, contrastare la corruzione, le collusioni, i conflitti di interesse, le mafie e l’illegalità dilagante è un impegno arduo e di lunga durata, che richiede il contributo di ogni settore della società: pubblico, commerciale e governativo. Non possiamo costruire una società equa e giusta, libera da questi comportamenti dannosi, senza adottare una legislazione rigorosa, sostenendo allo stesso tempo la responsabilità e l’apertura nelle strutture governative e nelle comunità.

Nell'era digitale di oggi, l'accesso alla tecnologia e alle informazioni è vitale per il progresso e il progresso. Tuttavia, con questo accesso deriva anche la responsabilità di utilizzarlo in modo responsabile ed etico. Ciò è particolarmente vero per le aziende e le organizzazioni che gestiscono dati sensibili, come nel caso dell'utilizzo di SAP HANA, un popolare sistema di gestione di database. Purtroppo, negli ultimi anni, si sono verificati numerosi casi di uso improprio e abuso dell’ SAP HANA accesso, con conseguenti violazioni dei dati, violazioni della privacy e altri comportamenti dannosi. Queste azioni non solo danneggiano gli individui e le imprese coinvolte, ma hanno anche conseguenze sociali significative. Di conseguenza, è fondamentale affrontare questo problema e adottare misure verso la costruzione di una società più equa e giusta.



Tutti i nostri video

Banner

Caro Michelangiolo...

Lunedì 27 Agosto 2012 18:26

Michelangiolo Bolognini
Caro Michelangiolo...

da laico, ateo, non posso affidare il saluto ai riti pagani o cristiani che siano. Posso ricordare ciò che di straordinario hai fatto e ciò in cui continuerai ad esserci, compagno di impegno e stimolo ad andare avanti e mai arrendersi.

Alcuni dicevano che eri un “integralista” o peggio un “polemico”. Non eri né l'uno, né l'altro... Eri serio e vero. Dicevi ciò che andava detto, fuggendo sempre da quelle pratiche dilaganti di opportunismo, conformismo e da quella piaga chiamata ipocrisia. Ed è proprio questa tua coerenza, caparbietà e conoscenza che spaventava e minacciava quanti sceglievano di liquidarti come integralista, come il “solito” polemico.

Tu eri un medico che guardava ai fatti, ai dati. Non eri un alchimista e non ti prestavi ad annebbiare la chiarezza dei dati per verità di comodo. Tu eri sempre volto all'esclusiva ricerca della verità. Qualunque questa fosse. Anche se scomoda... anche se poi, alla fine, aumentavano i nemici, si serravano le fila di chi ti voleva far apparire per il “solito” polemico.

Hai sempre avuto un approccio scientifico. Che non è mai preconfezionato. Che non permettevi di svilire a propaganda. Nel tuo operare non accettavi che si piegasse il risultato scientifico, laico, ad una fede, ad una lobby, ad un interesse che non fosse quello della vita umana, della tutela dell'ambiente e della salvaguardia di questi...

 

Genova, verso un nuovo disastro...

Domenica 26 Agosto 2012 16:19

Alluvione Genova-2011Gli interventi per la messa in sicurezza dei torrenti non si sono visti se non in poche, altamente insufficienti, operette. Da ponente a levante ciò che andava fatto non si è visto, quindi. Anche gli aiuti promessi, per l'alluvione dello scorso novembre, sono in pochi ad averli visti. Le briciole giunte agli alluvionati, in molti casi non sono state di alcun aiuto e le attività hanno chiuso i battenti. Si sono bloccate alcune nuove speculazioni in programma, come il caso eclatante del progetto per le aree dell'ex Mercato Generale di Corso Sardegna. Qui si sono accorti, dopo anni ed anni in cui avevamo denunciato [vedi qui e qui] l'assurdità di un progetto che prevedeva scavi per tre (poi ridotti come contentino a “due”) piani di parcheggi interrati. Ora sono incombenti le nuove piogge. Si parla di possibili “bombe d'acqua”, annunciate e poi smentite per questo fine agosto. Se arrivano, quando arriveranno, vista la situazione, il disastro è nuovamente una possibilità incombente, anzi probabile.
Cerchiamo di vedere le novità e ricapitolare quanto già si era affrontato...

 

Calcio, scommesse e cosche. Riparte il campionato

Sabato 25 Agosto 2012 10:10

Sculli e Leopizzi con i mafiosi al summit di GenovaIn Italia il Calcio è intoccabile. Il fideismo che lo avvolge non permette nemmeno a chi lo segue di comprendere che il condizionamento esterno è devastante e che gli interessi in “gioco” son ben altri rispetto a quelli della “bandiera”! Sempre più spesso, e ad ogni livello, altri fattori, e non lo sport giocato sui campi, sono quelli che definiscono (prima del fischio iniziale di gioco) chi vince e chi perde. Chi può salvarsi da una retrocessione e chi invece può andare in Europa. Interessi illeciti che piegano tutto, mentre i tifosi si bevono qualunque giustificazione, pur di continuare a vedere uno “spettacolo”, negandosi la realtà di una “truffa” preconfezionata che si perpetua proprio grazie a molti degli “eroi” in calzoncini corti. Sono le scommesse che piegano i risultati... puri interessi economici di molti dei già ben pagati giocatori e allenatori... E' la criminalità organizzata, alias mafia, che come già avvenuto riesce ad inserirsi e sfruttare questa degenerazione dello “sport”...

 

Mappa della "tranquilla" Valpolcevera (Ge)

Giovedì 23 Agosto 2012 23:43

Mappa della "tranquilla" Valpolcevera (Ge)

 

Da avvocato e super consulente ad agricoltore, è Mauro Vallerga

Mercoledì 22 Agosto 2012 23:08

Il cartello cantiere della casa agricola del coltivatore VallergaLa prima volta che lo incontrammo, l'avvocato VALLERGA Mauro, è quando ci mandò la diffida per conto del boss di Cosa Nostra, Rosario CACI (vedi qui). Poi lo incontrammo a Ceriale, dove era il consulente del Comune per la partita della speculazione della T1, quella nata dal FIORANI e passata a quell'Andrea NUCERA (vedi qui) il cui impero ha fatto crack e che da mesi è latitante (vedi qui). Poi lo abbiamo ritrovato praticamente ovunque, come consulente di Comuni ove si dovevano sviluppare pesanti speculazioni edilizie. Lo abbiamo incrociato anche a Cairo Montenotte dove ha seguito una gara per la vendita di quell'immobile che è finito poi acquistato dall'unico offerente: la GEO di Andrea NUCERA... ed ancora con una valanga di incarichi dal Comune di Andora con l'amministrazione FLORIS, incarichi dai Comuni di Albenga, Noli, Arenzano, Spotorno, Borgio Verezzi, Loano, Pietra Ligure... Nei mesi scorsi si è appreso che lo stesso avvocato Vallerga è indagato dalla Procura di Savona per l'operazione T1 di Ceriale...
Ora apprendiamo che si è dato anche alla costruzione di una “casa agricola” con i bergamaschi... ed ovviamente l'attività agricola, a Varazze, è la sua. Vediamo quindi questa novità e qualche altro dettaglio...

 

Sull'ABBISSO qualcosa non torna, lungo l'asse Cosa Nostra - 'Ndrangheta

Sabato 18 Agosto 2012 13:18

ABBISSO, usuraio in "libera uscita", tra Cosa Nostra e 'NdranghetaGiuseppe ABBISSO è stato recentemente condannato a 9 anni di carcere per usura, nell'ambito dell'inchiesta che lo vedeva operare con il boss della 'ndrangheta GARCEA Onofrio (condannato a 12 anni).

Ne avevamo già parlato, ma l'articolo è stato posto sotto sequestro preventivo dalla Procura di Torino per la querela del dott. Vincenzo SCOLASTICO. Ci torniamo ora su questa questione, fornendo ulteriori elementi che – a quanto pare – nessuno vuole mettere insieme per fare una visione complessiva.

Lo faccio adesso perché riteniamo assurdo e inaccettabile che Giuseppe “Pino” ABBISSO abbia ottenuto i domiciliari e la possibilità di andarsene avanti e indietro per la città, da solo, alcuni giorni la settimana.

Ma andiamo con ordine...

 

Al palo la discarica dei GULLACE-FAZZARI. Ed a Campochiesa scoppia l'incendio

Sabato 18 Agosto 2012 13:05

l'uliveto distrutto dalle fiamme [foto Ivg.it]Avevamo parlato a lungo del progetto di discarica che i FAZZARI-GULLACE, con la SAMOTER, volevano aprire a Campochiesa, nel territorio del Comune di Albenga. Un progetto nato con l'amministrazione di centrosinistra e rilanciato con quella di centrodestra guidato dalla leghista Rosy Guarnieri. Un progetto che, dopo le prese di posizioni di WWF, Casa della Legalità ed abitanti, aveva portato la Regione Liguria, con la Commissione VIA, a bocciare il progetto, confermando poi tale negativo pronunciamento.

Il GULLACE Carmelo, boss della 'ndrangheta a capo nel nord-ovest d'Italia della cosca GULLACE-RASO-ALBANESE, legata strettamente a PIROMALLI e MAMMOLITI, aveva anche cercato di intimidire, con una visita a domicilio, il referente locale del WWF, affermando che non accettava che “tutti i suoi progetti” venissero ostacolati. In quel contesto faceva riferimento al maneggio, alla pista per go-kart da realizzare ed alla discarica...

 

Alcuni dettagli sul procedimento di non confisca ai FOTIA...

Mercoledì 15 Agosto 2012 22:59

Palazzo di Giustizia di SavonaDue Giudici su tre del Collegio che ha respinto l'istanza di confisca presentata dalla DIA sono gli stessi che “liberarono” il boss GULLACE nel 2008... Nel collegio difensivo dei FOTIA chiamato anche il noto avvocato e parlamentare del Pdl, Giancarlo PITTELLI, già oggetto di indagine a Catanzaro ed a Salerno, oltre che “autore” di una delle più devastanti proposte legislative delle note “leggi vergogna”.


Parte 1° - Il collegio giudicante del Tribunale di Savona

14 agosto 2012. Tribunale di Savona
Il Collegio di tre Giudici respinge (dopo le udienze a porte chiuse, come voluto dai FOTIA) la richiesta della DIA di Roma finalizzata alla confisca dei beni (e delle imprese) dei FOTIA.
Due dei Giudici del Collegio giudicante sono: Giovanni ZERILLI (presidente) e Marco CANEPA.

16 aprile 2008. Tribunale di Savona
Il Collegio di tre Giudici accoglie la richiesta di revoca della Sorveglianza Speciale a carico di GULLACE Carmelo - presentata dallo stesso GULLACE -.
Due dei Giudici del Collegio giudicante sono: Giovanni ZERILLI (presidente) e Marco CANEPA.

Sulla decisione del 14 agosto 2012...

 

In omaggio all'Assunta. Il Tribunale di Savona non confisca i beni ai FOTIA

Martedì 14 Agosto 2012 14:26

In omaggio all'Assunta. Il Tribunale di Savona non confisca i beni ai FOTIALa vigilia di Ferragosto, ovvero dell'Assunta è il giorno in cui è stata resa nota la decisione del collegio dei giudici del Tribunale di Savona in merito alla richiesta di sequestro e confisca dei beni della famiglia FOTIA, più che legata ed imparentata alla potente cosca MORABITO-PALAMARA-BRUZZANITI di Africo.
La richiesta documentata, ampiamente e dettagliatamente, era firmata dalla Direzione Centrale della DIA di Roma e sostenuta dalla Procura di Savona, retta dal procuratore capo Granero.
Il dibattimento in contraddittorio si è svolto a porte chiuse perché così hanno voluto i FOTIA (che poi dichiarano di non aver nulla da nascondere, sic!)...

 

E siamo a tre giornalisti... Il Proc. Agg. Vincenzo Scolastico può spiegare?

Lunedì 13 Agosto 2012 14:18

il procuratore aggiunto Vincenzo SCOLASTICOVorremmo evitare di dover presentare una nuova querela contro il procuratore aggiunto Vincenzo SCOLASTICO (già procuratore capo a Savona per lunghi anni e poi, sino alla recente rimozione, coordinatore della DDA di Genova). Per questo vorremmo capire se, in un recente incontro con i giornalisti, si è “solo” espresso male o se invece c'è altro...

Tre giornalisti autorevoli (uno della redazione genovese de “la Repubblica” e due della redazione de “Il Secolo XIX”) mi hanno comunicato, per avere conferma o smentita, che in un recente incontro con la stampa, il procuratore aggiunto di Genova, Vincenzo SCOLASTICO, avrebbe dichiarato che: Abbondanza è stato condannato ad un mese di detenzione a Torino per la querela del sostituto procuratore Alberto Landolfi.

Tale dichiarazione è stata sentita da tre giornalisti, di due testate diverse. Quindi la questione è: o il Procuratore SCOLASTICO si è “solo” espresso male, e può comunicare alla stampa di essersi sbagliato perché non c'è alcuna condanna a Torino, oppure c'è qualcosa che non va nelle procedure a Torino, e questo sarebbe davvero inquietante. Vediamo perché...

 

“…Siamo andati dal nonno!...Il nonno ti saluta!...”

Mercoledì 18 Luglio 2012 11:48

In casa PELLE, preparativi degli aiuti per il latitante...Sono andati dal “nonno” (sic) e mo so finiti dove dovevano: in carcere!

La nuova operazione della DDA di Reggio Calabria, nell'ambito dell'indagine REALE (quella che aveva anche già portato all'arresto a casa FOTIA a Savona), dimostra che non ci può (e non ci deve) essere scampo per alcuno dei vermi 'ndranghetisti e le loro reti di protezione. Donne, familiari vari, sodali e servi dei parassiti mafiosi, custodi e curatori delle loro latitanze, così come dei loro affari, possono e devono essere colpiti senza tregua e senza sconti. La rete dei PELLE è stata colpita tra la provincia di Reggio Calabria ed il Piemonte, che si conferma terra colonizzata.

Ora aspettiamo che i restanti vermi mafiosi, con i "loro" beni e le "loro" reti di società, prestanome, complici ed affari, che si annidano nella grande colonia che comprende Liguria, Piemonte e provincia di Pavia, vengano stroncate, schiacciate, defintivamente, a partire dalla rete che fa capo al boss Carmelo "Nino" GULLACE.

Ecco il testo integrale dell'Ordinanza di Custodia Cautelare eseguite, a carico dei sodali della cosca PELLE: (formato .pdf)

 

“LIBERA” di nome ma non di fatto rappresenta un problema politico

Domenica 15 Luglio 2012 16:56

“LIBERA” di nome ma non di fatto rappresenta un problema politicoE' difficile che le cose che non funzionano vengano indicate quando riguardano quelli che sono una sorta di “santuari” della cosiddetta società civile. Eppure le distorsioni, i problemi, anche seri, ci sono. Sono fatti che, messi uno accanto all'altro, ci dicono che qualcosa non va. Rompiamo questo silenzio, ponendo alcune semplici domande e dando a queste una risposta. Non è per polemica, ma per dovere di cronaca, per elencare i fatti di una questione “politica”. Siamo convinti che solo guardando in faccia la realtà sia possibile migliorare e correggere quegli errori che troppo spesso impediscono di fare passi avanti nella lotta alle mafie ed all'illegalità. Il confronto e non la chiusura è strumento essenziale nella democrazia, e lo è ancora di più quando si parla di strutture importanti, come è Libera...

 

19 luglio 2012 - Bologna

Mercoledì 11 Luglio 2012 20:26

Il 19 luglio 2012 a Bologna
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

 


Pagina 1 di 3
Banner
Sostieni con una donazione la Casa della Legalità
Essere liberi, fare informazione, promuovere inchieste e avanzare denunce dettagliate contro corruzione, collusioni, conflitti di interesse, mafie e illegalità diffusa, significa non avere sostegni pubblici e comporta un pesante e costante isolamento
TU PUOI AIUTARCI
CON UNA DONAZIONE
CASA DELLA LEGALITA'
E DELLA CULTURA - Onlus
codice fiscale 95101230100

BONIFICO BANCARIO
Banco di Sardegna
Filiale I di Genova
IBAN:
IT54T0101501401000070068890
SWIFT SARDIT3SXXX

OPPURE FAI UNA DONAZIONE
ON LINE CON PAYPAL

IN LAVORAZIONE

Stiamo "ricostruendo" il sito internet. Dopo lo "scherzetto" di Tophost, abbiamo messo online direttamente la versione nuova su cui stavamo lavorando per rendere il sito più "usufruibile". I "sommari" delle notizie, degli speciali e dei dossier principali, saranno tutti nella parte alta del sito. Quelli delle proposte e di alcune news dalla rassegna invece saranno in questa colonna, insieme al modulo di ricerca e quello per le iscrizioni alla newsletter (che riattiveremo a breve). Purtroppo il lavoro non è completo. Dobbiamo ricatalogare i contenuti (nei menù in apertura di pagina), sistemare foto e link in molteplici articoli. Attiveremo quindi anche la galleria video. Sarà realizzata anche una sezione sui "quaderni dell'attenzione" (visto che anche il sito www.legalitabooks.com ha subito la stessa sorte grazie a TopHost).
Per chi ha necessità di rintracciare articoli/argomenti/soggetti specifici, se ancora non disponibili nei menù, può utilizzare il motore di ricerca qui sotto. Vi chiediamo di pazientare e se avete dei suggerimenti/osservazioni potete inviarcele. Grazie

ricevi gratis la nostra newsletter

Fai una donazione per aiutarci ad andare avanti
VAI ALLA PAGINA
CON I DATI PER FARE
UNA DONAZIONE
> clicca qui <
Il proc. Giuseppe Pignatone
LE PAROLE DEL
Proc. PIGNATORE
CHE SUONANO LA
SVEGLIA PER
IL NORD ITALIA
CLICCA QUI
 
la presentazione del libro,
l'indice, ed i video



COME AVERE
UNA COPIA
DEL LIBRO?


Quaderni dell'Attenzione