Anche in Abruzzo la storia non cambia...

Scritto da Ufficio di Presidenza
[ il verbale della confessione di Vincenzo Maria Angelini ai pm della Procura - formato .pdf ]
L'Inno dei Lavoratori recita(va) "su stringiamoci in mutuo patto". Bisogna cambiargli nome, visto che l'unico mutuo patto, in Italia, è quello dei politici. La "classe dirigente", ovvero coloro che detengono a tutti i livelli il Potere cosiddetto legale, ha stretto un "mutuo patto" di commistione, collusione, corruzione e contiguità con il Potere criminale. Giorno dopo giorno, indagine dopo indagine, questo osceno accordo trasversale emerge nella sua dirompente devastazione della cosa pubblica, del Paese. Adesso è il turno dell'Abruzzo. Non c'è scampo, rubano ovunque...
Qui la maggioranza e la Giunta è di centro-sinistra, sotto la guida di Ottaviano Del Turco e con l'attenta partecipazione dell'Italia dei Valori del buon Di Pietro (che qui oltre ad un assessore, ha - aveva - anche un "eletto" Presidente dell'Ente Regionale, un componente dell'Ente Regionale - che è anche Consigliere Regionale - ed un "eletto" nel Comitato dei Revisori dell'Ente Regionale, così che il primo, con la Giunta, dava l'indirizzo, l'altro approvava in Consiglio e poi eseguiva, con il Presidente, ed il terzo controllava - clicca qui -).
Una gestione quella guidata da Del Turco che, naturalmente, andava a braccetto con il centro-destra. Come in Calabria, come in Liguria od anche in Umbria, per fare qualche esempio. Altrove è identico, con inversione dei ruoli. Ricordiamo la Sanità della Regione Lazio, con l'altro "moralista" Storace e lady Fini? O il registro delle raccomandazioni di Lombardo, l'erede di Cuffaro, in Sicilia?
Intanto l'attacco alla magistratura va avanti, anche questo bipartisan, anche se con toni diversi, chi con gli insulti chi in modo più sottile. Nel frattempo, mentre l'effetto devastante della Corruzione dilapida le risorse pubbliche e piega l'interesse generale a quello degli "amici degli amici" e l'infiltrazione mafiosa è sempre più invasiva nelle città e nell'economia del nord, il Governo (con il silenzio dell'Opposizione - ivi compreso il "tuonante" Di Pietro) sta chiudendo l'Alto Commissariato Anti-Corruzione che ha osato affermare, poche settimane fa, che oggi la diffusione e profondità della corruzione è ben più pesante dei tempi di Tangentopoli. Tutto in regola, secondo copione, è l'Italia degli italiani che dormono e accettano passivamente il sistema clientelare e mafioso, in cambio di quieto vivere e di qualche piccola concessione... Finché non saremo al crollo definitivo, quante dovremmo ancora vederne?

PS
Di Pietro ha dichiarato: "La politica abruzzese è marcia... Noi da anni, pur se da alleati del Partito Democratico, denunciamo un rapporto tra istituzioni e politica incompatibile con il rispetto dei principi di legalità e di rispetto nei confronti dei cittadini".
Ma se sapeva quello che accadeva perché non è andato in Procura a denunciare? Perché non ha fatto sì che i suoi uomini in quella Giunta e Regione denunciassero gli illeciti e uscissero da maggioranza, Giunta e CdA?
Ora che sono scattati gli arresti è facile tuonare contro chi si è appoggiato sino a ieri... è la solita storia.
Di Pietro aggiunge: "A fronte di quanto emerso l'Italia dei Valori chiude definitivamente ogni rapporto con l'attuale gruppo dirigente del PD in Abruzzo". Questo significa che ritira tutti gli amministratori e nominati che ha con le Giunte con il PD in Abruzzo e toglie a queste il sostegno dei sui eletti (e non sono pochi), oppure, come sempre in Italia, "il senso di responsabilità", farà restare tutto come prima, dove ancora non sono arrivati gli inquirenti? Vedremo.



LA RASSEGNA STAMPA DI OGGI


La Procura: "Ci sono le prove Stavano distruggendo la sanità"


Scritto da Repubblica   
lunedì 14 luglio 2008
PESCARA - "Ci sono le prove. Stavano distruggendo la sanità in Abruzzo". Il procuratore di Pescara Nicola Trifuoggi convoca una conferenza stampa per parlare dell'inchiesta che ha portato all'arresto del governatore Ottaviano Del Turco. "Meglio evitare di mandare in circolo notizie infondate e contraddittorie", dice il magistrato...
 
Sanità, arrestato Del Turco. In manette anche assessori


Scritto da Repubblica   
lunedì 14 luglio 2008
Per l'esponente del centrosinistra ipotesi associazione a delinquere e corruzione. Provvedimento di custodia cautelare anche per alcuni funzionari. Si parla di tangenti per sei milioni di euro per governatore e vertici dell'Abruzzo...
 
Berlusconi: «Del Turco? Teoremi accusatori spesso non confermati»


Scritto da Corriere   
lunedì 14 luglio 2008
Il premier interviene da Parigi sulL'INCHIESTA che ha travolto la Regione Abruzzo. «Strano, quasi una retata di un intero governo di una regione». «Serve riforma radicale della giustizia»...
 
Arrestato il governatore Del Turco


Scritto da Corriere   
lunedì 14 luglio 2008
Inchiesta sulla sanita' regionale: in carcere anche assessori e funzionari regionali. Il presidente dell'Abruzzo in carcere per concussione: per lui presunta tangente da 5.800.000 di euro...
FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger