Con l'Operazione di oggi in carcere anche il boss GANGEMI

Scritto da Ufficio di Presidenza
blank_page

Il PRATICO, nell'area riservata, parla con il suo staff e con il boss GANGEMI
Con la vasta operazione antimafia coordinata dalle DDA di Milano e Reggio Calabria è stato assestato uno dei colpi più duri alla ramificazione della 'Ndrangheta nel Paese e finalmente si è resa evidente quell'evoluzione organizzativa, che da tempo indichiamo, e che ha visto il costituirsi di un "vertice" unitario anche per la criminalità organizzata calabrese.
Sono state colpite le ramificazioni nel nord di potenti clan come i Bellocco-Pesce, i Pelle, i Commisso, gli Acquino-Coluccio, i Mazzaferro, gli Oppedisano, gli Alvaro, i Longo ed i Iamonte e soprattutto sono stati individuati e colpiti i "colletti bianchi" ed i cosiddetti "insospettabili", come nel caso del Direttore della ASL di Pavia, Antonio Chiriaco.
Un'inchiesta che ha messo in evidenza anche sulla Lombardia la forte capacità di influenzare il voto da parte delle cosche della 'ndrangheta e la propensione dei politici a stringere patti con gli uomini delle 'ndrine per rastrellare voti utili alla propria elezione nelle competizioni elettorali.
Tra i 300 arresti ve ne sono anche in Liguria ed a Genova spicca quello di "Mimmo, il boss del fagiolino", ovvero di quel Domenico "Mimmo" GANGEMI di cui ci siamo occupati sul sito e con un iniziativa proprio giovedì scorso.
Eccolo in due delle foto che come "Casa della Legalità" abbiamo scattato il 20 febbraio scorso, a Genova, prima delle elezioni Regionali e che abbiamo già passato a chi di dovere da tempo, insieme ad alcuni video sulla medesima iniziativa. Nelle foto si vede il boss GANGEMI parlare con l'entourage di Aldo Praticò (e con il Praticò stesso), consigliere comunale di Genova ed allora candidato anche alle Regionali (dello stesso partito del MINASSO che nell'imperiese si è fatto dare i voti dal clan dei PELLEGRINO e dall'amico di Messina Denaro, Giovanni INGRASCIOTTA, come rivelato da Il Secolo XIX). Il GANGEMI venne fatto accedere nell'area riservata dell'iniziativa elettorale dell'associazione dei calabresi di PRATICO', dove si ritrovavano i rappresentanti della Giunta SCOPELLITI di Reggio Calabria, agenti dell'Arma dei Carabinieri in veste privata, il PRATICO' stesso ed il suo entourage.
Più tardi altri dettagli... ora siamo fuori sede visto che ci siamo recati a Savona per depositare la querela a carico del boss FAMELI Antonio ed altri per i fatti di giovedì scorso a Loano, e per inviare una dettagliata relazione al Prefetto di Savona con richieste di provvedimenti urgenti sulla realtà savonese.

VAI ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA...

 

 

blank_page

Il pubblico della festa è disposto sulle gradinate ed in fondo al palzzetto
Il pubblico della festa è disposto sulle gradinate ed in fondo al palzzetto


Il boss GANGEMI viene accompagnato nell'area riservata dallo staff del Pratico
Il boss GANGEMI viene accompagnato nell'area riservata dallo staff del Praticò


E mentre un signore dello staff lo accompagna si parlotta un po...
E mentre un signore dello staff lo accompagna si parlotta un po...


All'arrivo nell'area riservata, dietro le transenne, il boss GANGEMI è di casa...
All'arrivo nell'area riservata, dietro le transenne, il boss GANGEMI è di casa...


Praticò oggi dice che GANGEMI era li per caso? Ci pare conoscere bene il suo staff...
Praticò oggi dice che GANGEMI era li per caso? Ci pare conoscere bene il suo staff...
e poi nell'area riservata non ci è capitato per caso


E si parla, si parla con il boss
E si parla, si parla con il boss...


e si parla ancora... proprio uno sconosciuto il boss per l'enturage del Praticò
e si parla ancora... proprio uno sconosciuto il boss per l'enturage del Praticò


e si ride, si parla... nell'area riservata... il boss GANGEMI è proprio come a casa
e si ride, si parla... nell'area riservata... il boss GANGEMI è proprio come a casa



che dialettica per uno sconosciuto capitato lì per caso... questo GANGEMI è proprio un pesce fuor d'acqua (sic)
che dialettica per uno sconosciuto capitato lì per caso...
questo GANGEMI è proprio un pesce fuor d'acqua (sic)


si, proprio un
si, proprio un "intruso" nell'area riservata...


ED NEL FRATTEMPO... UN POCO PIU' IN LA',
SEMPRE NELL'AREA RISERVATA...

un agente dei Carabinieri in veste privata canta
un agente dei Carabinieri in veste privata canta "Calabria, Calabria"
si tratta del cantautore Vittorio Rocca



ed un comandante dei Carabinieri con la moglie ha raggiunto il retro palco...
ed un comandante dei Carabinieri, in veste privata,
con la moglie ha raggiunto il retro palco...



ma a differenza del boss GANGEMI nessuno dello staff è andato ad accoglierlo...
ma a differenza del boss GANGEMI nessuno dello staff è andato ad accoglierlo...


MA VISTO CHE PRATICO' DICE CHE:

"ERA UNA FESTA CHE SI TIENE TUTTI GLI ANNI..."
MA ALLORA CI SPIEGA PERCHE' ERA
LA 1° FESTA DEI CALABRESI A GENOVA?
OGNI ANNO E' SEMPRE UNA "PRIMA"???

POI LA SCUSA PER CUI IL GANGEMI
FOSSE PASSATO DI LI' PER CASO...
IN MEZZO AL PUBBLICO COME TANTI...
E' STATA SMENTITA DALLE
NOSTRE FOTO


MA NON BASTA...
PERCHE' IN RETE, SU YOUTUBE, C'E' UN VIDEO

(da cui abbiamo estratto i sequensti tre fotogrammi)
IN CUI IL GANGEMI E' PERSINO SUL PALCO
CON IL CARABINIERE-CANTAUTORE ED IL PRATICO'

ecco qui:


Chi ti spunta in basso nella foto, dietro al CC-Cantautore ed al Praticò? il GANGEMI
Chi ti spunta in basso nella foto, dietro al CC-Cantautore ed al Praticò? il GANGEMI


Eccolo là dietro che spunta in mezzo ai due...
Eccolo là, il boss GANGEMI, dietro che spunta in mezzo ai due...



E qui balla, canta e applaude il boss GANGEMI sul palco con Praticò e Rocca
E qui balla, canta e applaude il boss GANGEMI sul palco con Praticò e Rocca
FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger